Turismo in Russia Visitare San Pietroburgo, una guida per visitare e scoprire San Pietroburgo, Russia.

Bandiera Russia

   

La Cattedrale di Sant'Isacco

La cattedrale di Sant'Isacco di San Pietroburgo è uno dei monumenti più interessanti dell'arte russa e dell'architettura neo-classica del XIX secolo. È la quarta delle cattedrali con la cupola più grandi del mondo, dopo quella della Basilica di San Pietro a Roma, San Paolo a Londra e Santa Maria del Fiore a Firenze. Fu disegnato dall'architetto francese August Montferrand e fu costruita in 40 anni – dal 1818 al 1858. Dal 1931 è diventata un museo. Attualmente circa un milione di persone visita la cattedrale ogni anno.

Storia della Cattedrale

La cattedrale è alta 101,5 metri e il suo peso totale è di circa 300.000 tonnellate. Secondo alcuni può accogliere 8.000 persone, secondo altri addirittura 14.000. La storia di questa cattedrale, la quarta chiesa dedicata a Sant'Isacco e costruita a San Pietroburgo, risale ai tempi dello zar Pietro il Grande.

Il monaco Isacco visse nella Bisanzio nel IV secolo d.C.. Pietro I, il fondatore della città, nacque il 30 maggio del 1672 ovvero nel giorno dedicato a Sant'Isacco. Perciò una delle prime chiese costruite in città fu dedicata proprio a lui. La prima chiesa fu consacrata al Santo nel 1707, ma si trattava di un granaio (situato nei pressi dell'Ammiragliato), che ben presto andò in rovina e poi fu demolito.

Nel 1717 Pietro I in persona pose la prima pietra della nuova chiesa di Sant'Isacco. Sulla riva della Neva, proprio nel posto dove fu eretto più tardi il monumento a Pietro I (la famosa statua del Cavaliere di Bronzo), l'edificio di pietra con una guglia fu costruito secondo il progetto dell' architetto Mattarnovi. La seconda chiesa di Sant'Isacco assomigliava alla cattedrale della Fortezza dei SS. Pietro e Paolo. Ma le rive della Neva non erano ancora state rinforzate e pertanto l'edificio cominciò a subire danni alle strutture. Nel 1735 a causa di fulmine scoppiò l'incendio che completò la distruzione dell'edificio.

Per ordine di Caterina II nel 1768 le fondamenta della terza chiesa di Sant'Isacco furono poste nel posto dove si trova la cattedrale attuale. In questo modo l'imperatrice mostrò il proprio rispetto in memoria di Pietro I. Questo progetto fu redatto dall'architetto Rinaldi: secondo il progetto le mura della cattedrale avrebbero dovuto essere rivestite di marmo sia all'interno sia all'esterno. Ma dopo la morte di Caterina II suo figlio Paolo I ordinò di usare tutto il marmo per la decorazione del suo palazzo. Rinaldi morì quando solo la parte inferiore era stata costruita. L'architetto di corte di Paolo I, Brenna fu incaricato di terminare la cattedrale, ma non si interessò molto al lavoro e il risultato finale non soddisfece né la corte né la chiesa.

All'inizio del XIX secolo San Pietroburgo si allargò rapidamente e la terza chiesa di Sant'Isacco non era adeguata alla capitale della Russia, una città in crescita. Perciò nel 1816 Alessandro I bandì un concorso per un progetto di ricostruzione della cattedrale. Tuttavia lo zar vietò di distruggere le parti consacrate della vecchia cattedrale – l'altare e le mura. Molti architetti russi e stranieri vi parteciparono. Fra di loro c'era August Montferrand, un giovane architetto francese, che fece 24 disegni della cattedrale nuova in diversi stili architettonici. Alessandro I ne approvò uno in stile classico e nominò Montferrand architetto di corte. Lui era molto dotato, ma aveva avuto poca esperienza come architetto: in Francia aveva lavorato principalmente come progettista d'interni. Per questo c'era qualche errore grave nei suoi disegni. Quindi un comitato speciale di 13 famosi architetti russi fu organizzato per aiutare Montferrand nel suo lavoro.

La costruzione della Cattedrale

I lavori di costruzione cominciarono nel 1818. Prima demolirono l'edificio precedente e consolidarono il terreno perché la città è stata costruita sopra un terreno molto paludoso. L'operazione fu molta lunga e complessa: agli 11.000 pali di pino incantramato, risalenti alla precedente fondazione, ne vennero aggiunti 13.000, del diametro di 25 cm. ciascuno. Le lastre di granito furono appoggiate direttamente sui pali e furono ricoperte con lastre di calcare. Le fondamenta hanno uno spessore 14,5 metri (7,5 è all'altezza dei pali e gli altri 7 è allo spessore delle lastre di pietra). Furono impiegati 10 anni per porre le fondamenta. 125.000 operai parteciparono alla loro posa. Perché dovettero conservare le mura della vecchia chiesa, alcuni cedimenti irregolari furono osservati dopo la posa delle fondamenta. In seguito alcune crepe apparvero sulle pareti. Così alla fine dovettero sospendere i lavori e demolire le parti rimanenti del precedente edificio.

All'esterno la cattedrale è abbellita da 112 colonne monolitiche di granito rosso locale. I blocchi di granito furono estratti dalle cave di pietra sulle coste della Carelia. Le colonne furono dirozzate rozzamente sul posto, poi trasportate su chiatte a San Petroburgo e alla fine furono rifinite direttamente in cantiere. Una volta pronte, le colonne vennero fatte rotolare verso il luogo di posa, ovvero il colonnato, dove vennero collocate su di uno speciale ponteggio e da lì issate con degli argani speciali – cabestani. Un operaio del cantiere ideò questo sistema di sollevamento, il cui modellino è conservato all'interno della cattedrale. Una colonna veniva collocata in uno dei corridoi del ponteggio, legata con delle grosse corde che venivano attaccate ad una puleggia al di sopra e al di sotto del ponteggio e poi venivano congiunte ai cabestani che erano stati collocati ai lati del ponteggio. C'erano 8 cabestani per ogni lato, e 8 operai giravano ogni cabestan, così un totale di 128 operai spese 45 minuti per alzare ogni colonna. Non dimentichiamoci che il peso di ogni colonna era 114 tonnellate.

Occorsero 2 anni per collocare tutte le colonne dei portici. La prima colonna venne eretta nel 1828. In quell'occasione Nicola I fu presente al cantiere e collocò una moneta di platino alla base della colonna.

Il progetto della cupola centrale fu un'altra realizzazione d'ingegneria. La cupola è fatta di metallo e composta da tre parti collocate una sull'altra formando una specie di “matryoshka”. La cupola più interna sferica è fatta di metallo. Il vuoto tra le traverse della cupola media e le lamiere della cupola esterna è riempito con circa 100.000 vasi vuoti di terracotta che formano una volta leggera. Con questo metodo, usato per la costruzione delle chiese nella Russia antica, si ottengono anche l'isolamento termico e ottimi effetti acustici all'interno della cattedrale.

La cupola esterna è di metallo, coperta dalle lamiere di rame, dorate “a fuoco”. Le lamiere venivano ricoperte da un composto naturale di mercurio ed oro e poi riscaldate a fiamma viva. Il calore faceva evaporare il mercurio e allo stesso fissava l'oro sul rame e, ripetendo quest' operazione alcune volte, si otteneva uno strato di doratura sottile ma resistente. Ma poiché, com'è noto, i vapori di mercurio sono pericololosissimi per il sistema sanguigno del corpo umano, durante questo processo morirono circa 60 persone, motivo per cui la cupola non è mai più stata ridorata.

Il peso complessivo dell'oro utilizzato per la doratura è di oltre 100 chili, su di un totale di 400 utilizzati nella costruzione della cattedrale.

Scultura e pittura della Cattedrale

La cattedrale è uno degli ultimi monumenti del classicismo russo. Le caratteristiche tipiche del classicismo includono numerose colonne, una pianta ben precisa, una cupola sferica, la distribuzione di opere di scultura in armonia con l'architettura. Tuttavia Sant'Isacco ha anche alcune proprietà dell'eclettismo – la corrente principale dell'architettura del XIX secolo, tra le quali l'abbondanza di sculture sulle finestre e sui frontoni.

Più di 400 sculture e bassorilievi dei migliori maestri dell'epoca (Pimenov, Klodt, Vitali) decorano la cattedrale all'interno ed all'esterno. Ci sono quattro altorilievi di bronzo sui frontoni dei portici, ognuno dei quali pesa circa 600 tonnellate. I frontoni meridionale e settentrionale mostrano delle scene della vita di Cristo: il frontone a sud – “L'adorazione dei magi” (lo scultore Vitali), il frontone a nord – “La resurrezione” (lo scultore Lemer).

I frontoni ad ovest ed ad est illustrano invece la leggenda di Sant'Isacco. Il monaco bizantino Isacco aveva infatti predetto la morte all'imperatore Valente, qualora non avesse smesso di perseguitare i cristiani. L'imperatore incarcerò il monaco, ma morì e il suo successore Teodosio liberò Isacco, il quale benedisse il suo governo. Il frontone lato est – “Sant'Isacco che incontra l'imperatore Valente” (lo scultore Lemer), il frontone lato ovest – “Sant'Isacco che dà la benedizione a Teodosio” (lo scultore Vitali). Le sculture ai lati dei frontoni rappresentano i dodici apostoli, mentre quelle all'apice dei frontoni sono i quattro evangelisti.

Le tre grandi porte nella cattedrale sono una copia delle cosiddette porte d'oro del Battistero di Firenze, realizzate appunto in oro dallo scultore Ghiberti. Le porte di quercia sono decorate con bassorilievi di bronzo fatti dallo scultore Vitali. Ogni battente della porta è alta 6,8 metri e pesa 10 tonnellate, ovvero 20 tonnellate di peso totale.

Le scene dei bassorilievi illustrano tre episodi della storia del Cristianesimo.

La porta ad ovest rappresenta il primo di questi periodi. Nella porta di ovest è rappresentata la vita dell'apostolo Paolo, a partire dalla sua conversione – raffigurata nel bassorilievo superiore, fino alla sua morte, nell'estremità inferiore dell'anta di sinistra. In quella di destra, sono raffigurati gli episodi salienti della vita di San Pietro, il primo Papa di Roma.

La porta a nord illustra la storia di Sant'Isacco (il battente sinistro) e alcuni episodi della vita di San Nicola, Taumaturgo (quello destro). San Nicola è uno dei santi più venerati in Russia, cosi come nell'Italia del Sud.

La porta meridionale narra la storia del Cristianesimo russo. I bassorilievi del battente sinistro illustrano la storia della conversione della Russia alla religione ortodossa e quelli di destra raffigurano invece le gesta di Sant'Alessandro Nevsky.

All'interno la cattedrale è rivestita completamente con 14 diversi marmi, essa è spesso soprannominata “Il museo di mineralogia” poiché per decorarla sono stati utilizzati ben 43 tipi di pietra.

Il busto di August Montferrand, opera dello scultore Foletti, fu realizzato con tutti diversi tipi di marmo, utilizzati nella cattedrale: il marmo bianco è di Carrara, quello verde di Genova, quello giallo di Siena, il marmo rosso è francese, mentre quelli nero e grigio sono russi. Il busto dell'architetto fu completato in occasione del suo compleanno. Era suo desiderio essere seppellito nella cattedrale, ma il Sinodo e lo zar glielo rifiutarono, perché era un cattolico e questo era contro le regole della Chiesa Russa Ortodossa. Montferrand era arrivato in Russia all'età di 30 anni e vi morì all'età di 70, 28 giorni dopo la consacrazione della cattedrale, il suo capolavoro.

Nella cattedrale è esposto un modellino di legno dell'edificio, realizzato da un certo Salin, uno schiavo che era stato liberato dal proprio padrone grazie alla sua abilità nella realizzazione di altro modellino in legno di una chiesa con 12 cupole. Questo modellino di Sant'Isacco è 166 volte più piccolo della cattedrale vera e propria. Salin ha lavorato per 11 anni a questo modello. Di questo modellino in legno di tiglio, le cui parte vennero assemblate solo con chiodini di legno senza l'uso di metallo o colla, esiste una copia che venne donata dallo zar Nicola I al re di Prussia a scopo diplomatico.

Nella cattedrale si trova un altro busto di Montferrand fuso in bronzo con la tecnica di galvanoplastica, che permetteva di fondere statue di metallo vuote all'interno e quindi particolarmente leggere. Questo metodo fu inventato da Carl Jacobi, uno scienziato russo, e fu utilizzato per la prima volta nella cattedrale con particolare successo, realizzando le statue molto leggere che decorano l'interno della cupola.

I migliori pittori russi, membri dell'Accademia Russa di Belle Arti, contribuirono alla decorazione dell'interno della cattedrale, tra di loro Bryullov, Bruni, Basin e altri per un totale 23. Circa 150 pitture murali furono realizzati con una speciale tecnica detta “affresco a secco”, il colore fu applicato direttamente sull'intonaco già asciutto e non su quello fresco come vorrebbe la tecnica tradizionale. Gli affreschi sulle volte raffigurano le leggende del Vecchio e del Nuovo Testamento, la maggior parte furono dipinti da Bruni, un eminente pittore del XIX secolo. Gli affreschi più importanti sono: “Il sole, la luna e le stelle con gli angeli”, la lunetta sopra la porta occidentale “La creazione del mondo”, “La creazione dell'uomo e i primi animali”, “Il Diluvio universale”, “Il sacrificio di Noè dopo il Diluvio”, “La visione del profeta Ezechiel” - uno dei più grandi affreschi della cattedrale (250 metri quadrati di superficie), “Il Giudizio universale”.

L'affresco più grande della cattedrale “La vergine Gloriosa”, che orna la volta centrale fu realizzato dal famoso pittore russo Carl Bryullov. L'area dell'affresco è 816 metri quadrati. Un ponteggio speciale fu fatto per il pittore per dipingere l'affresco, che salì e scese alcune volte al giorno per controllare se le figure apparissero naturali anche dal basso. Dipingeva sdraiato sulla schiena e, poiché la cattedrale non era riscaldata, Bryullov alla fine si prese i reumatismi e ne morì qualche anno dopo in Italia; gli affreschi furono finiti dai suoi allievi.

L'affresco rappresenta la Vergine circondata dai santi, che guardano verso il centro della cupola, dove si trova la scultura della colombo della pace, alta 1,05 e lunga 1,65 metri, un simbolo di Spirito Santo, appesa ad un altezza di 80 metri. Nelle nicchie dei pilastri ci sono pitture ad olio – le scene dalla vita di Cristo.

Le condizioni nella cattedrale non erano adatte agli affreschi ed ai quadri, a causa della temperatura bassa e l'umidità elevata molte tele furono rovinate. (La costruzione non era ancora stata finita) .


Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/europada/public_html/application/library/Php/xmlrpc.inc on line 583